Anna Magnani diventa il simbolo dell’emancipazione femminile

È il simbolo del romanico nel mondo, una delle più grandi stelle del cinema italiano, Anna Magnani diventa oggi il simbolo dell’emancipazione femminile, un’icona potente per tutte le donne che sono state vittime di violenza di genere e quelle che hanno deciso di ribellarsi e di chiedere giustizia. La crisi del Coronavirus non ci deve far dimenticare il nostro ruolo nel mondo e la nostra lotta contro la violenza di genere che coinvolge tutti oggigiorno. Con il supporto della fondazione “Sorgente Group”, l’artista Antonio Nigro ha realizzato una statua di bronzo a grandezza naturale della famosa attrice romana che è esibita a Roma, in Via Veneto, in occasione della festa del cinema di Roma. Potrete ammirarla sino alla fine dell’anno.

Con lo scopo di incoraggiare le persone e soprattutto le donne, la fondazione ha deciso di rappresentare Anna Magnani perché incarna perfettamente l’orgoglio femminile e lo spirito combattivo di tutte le donne e ha avuto modo nella sua vita di riscattarsi con il mondo del cinema. A enfatizzare l’emancipazione femminile vi è il colore rosso acceso della panchina su cui siede la scultura e il piccolo red carpet decorativo. Inoltre, la panchina rossa è divenuta il simbolo nazionale della lotta contro la violenza di genere ed è legato al numero nazionale antiviolenza 1522 riportato su ogni panchina rossa: si tratta di un importante progetto finanziato dal Ministro per le Pari Opportunità dal 2017.

L’inaugurazione della panchina sarà una perfetta occasione per celebrare e rendere omaggio alla bravissima attrice Anna Magnani e, assieme a lei, a tutte le donne del mondo. È un importante messaggio rivolto a tutti in un periodo in cui la quarantena dovuta alla pandemia ha contribuito ad aumentare i casi di abuso domestico: questa statua vuole essere una mano tesa a ogni donna al fine che nessuna più rimanga una vittima silenziosa.

scritto da #giorgiarocchetti

Shopping cart
There are no products in the cart!
Continue shopping
0